Rosmarino

Nome in uso nel medioevo: Rore Marino
Rore Marino - (nome botanico – Rosmarinus officinalis)Rosmarino

Sinonimi: R. coronarium, ramerino, rosamarina, osmari, tresomarino, incenso.

Arbusto cespuglioso sempreverde,raggiunge un'altezza di 2 metri.

Originario del bacino mediterraneo, è ora coltivato in tutto il mondo.

Il rosmarino è una delle più antiche piante utilizzate come condimento in cucina, come rimedio medicinale e come materiale “magico” perché in antichità alcuni popoli lo consideravano sacro. Nella antica Grecia si usava bruciare il rosmarino nei templi; nel medioevo si usava la fumigazione per allontanare gli spiriti maligni e come protezione contro le malattie infettive e la peste.

Il rosmarino era spesso uno degli ingredienti per la preparazione di vini medievali aromatizzati ad opera degli speziali.

Azioni: antiossidante, antimicrobico, analgesico, antispasmodico, antisettico, antireumatico, carminativo, afrodisiaco, astringente, cicatrizzante, colagogo, coleretico, cefalico, digestivo, cordiale, citofilattico, diaforetico, fungicida, emmenagogo, diuretico, epatico, nervino, ipertensivo, parassiticida, ricostituente, rubefacente, stimolante, tonico, vulnerario, sudorifero, stomachico.

Oltre ad essere molto utilizzato in cucina, il rosmarino è largamente utilizzato in saponi, detergenti, cosmetici, spray per ambienti, profumi, sopratutto le colonie. Serve anche ad aromatizzare liquori e bibite analcoliche.

Conchiglioni con zucca e ceci

Ingredienti:

  • 400 gr di conchiglioni;
  • 450 gr di zucca;
  • 100 gr di passato di pomodoro;
  • 250 gr di ceci sgocciolati;
  • 80 gr di speck;
  • olio d'oliva;
  • salvia;
  • rosmarino;
  • pepe in grani;
  • sale.

Pulite e tagliate a piccoli dadi la zucca. Scaldate in una padella 5 cucchiaiate d'olio, profumatele con una cucchiaiata di trito di salvia e rosmarino e rosolatevi lo speck tagliato a dadini. Unite i dadi di zucca e lasciate rosolare. Aggiungete i ceci, mescolate e fate insaporire, quindi completate con il passato di pomodoro. Salate, lasciate sobbollire il sugo mentre, a parte, fate cuocere i conchiglioni in abbondante acqua salata. Scolateli al dente e versateli nel tegame dove avete cotto il sugo. Completate a fiamma viva con una macinata di pepe, 2 cucchiaiate d'olio crudo e un altro po' di erbe aromatiche tritate.

Vuoi ricevere informazioni sulle nostre attività?

Inserendo e inviando l'email per la newsletter, si dichiara di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare il trattamento dei propri dati.

Leggi la privacy
I campi sono obbligatori

Nome

Email

Conferma il tuo indirizzo email

 Servizio della Rai regione Valle d'Aosta del 21 maggio 2016

whatsapp

Le Speziali 360° al Castello di Fenis 2017

Free Joomla! template by L.THEME